Appalti irregolari per 32 milioni

Visite: 485

Sotto la lente della Finanza anche riciclaggio e criminalità 

da primonumero.it

17 marzo 2016

Bilancio molto positivo quello del 2015 per la Guardia di Finanza in Molise. Quattro gli obiettivi perseguiti, di cui, tre strategici finalizzati al contrasto alle frodi fiscali e all’economia sommersa, agli illeciti in materia di spesa pubblica ed all’illegalità nella pubblica amministrazione nonché alla criminalità economico-finanziaria, e uno strutturale, riferibile allo svolgimento delle funzioni di polizia giudiziaria ed al concorso del Corpo nei servizi di ordine e sicurezza pubblica. Sono stati portati avanti quaranta piani operativi che confermano un impegno capillare sul territorio che riguardano il controllo e il contrasto di numerose forme di illegalità. Non è un caso, dunque, se per far fronte alla propria mission istituzionale, il Corpo guidato in Molise dal Generale di brigata, Vito Straziota, oltre alle funzioni di polizia giudiziaria di carattere generale, dispone di ampie potestà amministrative che consentono ai Reparti di intervenire nei molteplici scenari di potenziale frode.

CONTRASTO ALLE FRODI FISCALI E ALL’ECONOMIA SOMMERSA
Nel settore tributario sono state eseguite 115 verifiche e 215 controlli per un totale di 330 soggetti economici ispezionati. Per i reati tributari è stato il “sequestro per equivalente” dei beni per un valore complessivo di circa 20 milioni di euro e nonché sequestrare beni per 700mila euro. Attenzione all’economia sommersa e al lavoro nero. Scoperti 69 evasori totali, individuati 44 lavoratori in nero e 10 irregolari fino a un caso di “caporalato”. «Sempre alto – spiegano dal Comando regionale - il livello di attenzione in tale settore, atteso che il grave fenomeno del lavoro nero è spesso connesso ad altri illeciti non meno pericolosi, quali lo sfruttamento dell’immigrazione clandestina, l’alimentazione della filiera del falso attraverso la produzione e la commercializzazione di prodotti contraffatti, le frodi in danno al sistema previdenziale e altro». Per quanto riguarda l’emissione dello scontrino e delle ricevute fiscali è stata calcolata una incidenza di irregolarità pari al 14,7 per cento dei controlli totali che hanno portato anche alla chiusura di alcune attività commerciali.

VIGILANZA SULLA SPESA PUBBLICA E CONTRASTO ALL’ILLEGALITA’ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE
Nel settore della spesa pubblica, è stato ulteriormente rafforzato il dispositivo a tutela del bilancio Comunitario, Statale e degli Enti locali, mediante il riscontro dei requisiti previsti per l’accesso ai finanziamenti pubblici, della corretta gestione del sistema sanitario nazionale e delle effettive condizioni di reddito di quei soggetti che richiedono le cosiddette prestazioni sociali agevolate. In tale ambito, all’esito dei 177 controlli eseguiti, sono stati denunciati all’autorità giudiziaria 66 soggetti responsabili a vario titolo di reati connessi all’indebito conseguimento di contributi comunitari, nazionali e locali per un importo di quasi3 milioni di euro. Nel settore degli appalti pubblici, in particolare, sono statti eseguiti 62 controlli e concluse 7 indagini di polizia giudiziaria, che hanno permesso di deferire alla Magistratura requirente 351 soggetti nonché di individuare appalti irregolari dell’importo di circa 32 milioni di euro. Per i reati contro la Pubblica Amministrazione sono state denunciate a piede libero 72 persone a vario titolo per i reati di peculato, abuso d’ufficio, corruzione e altro. «L’impegno a tutela delle uscite di bilancio, che si innesta nell’ulteriore profilo operativo costituito dalla collaborazione assicurata dalle Fiamme Gialle alla Corte dei Conti, ha permesso di segnalare alla Magistratura Contabile 222 soggetti responsabili di aver cagionato danni erariali per 16 milioni e 800mila euro.

AGGRESSIONE AGLI INTERESSI ECONOMICO-PATRIMONIALI DELLA CRIMINALITA’ ORGANIZZATA ED AL RICICLAGGIO
Il Gico, il Gruppo Investigativo sulla Criminalità Organizzata - del Nucleo Polizia Tributaria di Campobasso continua ad assicurare un’azione volta all’individuazione delle possibili infiltrazioni dei sodalizi criminali nelle varie attività economiche della Regione. Eseguiti 122 accertamenti patrimoniali nei confronti di altrettanti soggetti, finalizzati all’aggressione dei patrimoni illeciti mediante l’applicazione delle misure di prevenzione ovvero della cosiddetta confisca “per sproporzione”. Le indagini svolte hanno consentito di proporre alle competenti Autorità Giudiziarie il sequestro di beni per un controvalore di 2.269.800 euro. In tema di riciclaggio, sono stati denunziati 7 soggetti in relazione a beni oggetto dello specifico reato del valore di oltre 26 milioni di euro. Segnalate anche oltre sessanta operazioni sospette.

LOTTA AL GIOCO ILLEGALE
Fenomeni di abusivismo e di illegalità che interessano il settore dei giochi e delle scommesse. In tale ambito, sono stati condotti 42 controlli che hanno consentito di denunciare alla magistratura 4 soggetti nonché di sottoporre a sequestro 2 apparecchi da divertimento/intrattenimento e 431 euro in contanti.

TUTELA DEI DIRITTI DI PROPRIETA’ INTELLETTUALE, DEL MADE IN ITALY E DELLA SICUREZZA DEI PRODOTTI
L’attività svolta dai Reparti molisani in materia di contraffazione dei marchi, diritti d’autore, sicurezza prodotti e tutela del made in italy, è sfociata in 156 interventi, ha consentito di sottoporre a sequestro, complessivamente, 306.824 articoli contraffatti e/o privi dei requisiti di sicurezza previsti dalle norme vigenti, nonché di denunziare all’Autorità Giudiziaria di 81 soggetti.

CONTRASTO AI TRAFFICI ILLECITI
L’azione di contrasto al traffico di sostanze stupefacenti viene garantita da un dispositivo dedicato, costituito dal Gruppo Operativo Antidroga di Campobasso, che opera in sinergia con il Reparto Operativo Aeronavale di Termoli, con gli altri Reparti territoriali e con l’ausilio delle unità cinofileCommercial time remaining: 00:00

Blue Billywig Video PlayerNel comparto in parola sono stati eseguiti 324 interventi, conseguendo i risultati: sequestro di 5.098 chili di hashish e marijuana, 302 grammi di cocaina, 102 di eroina, 98 semi di cannabis indica e 2 autovetture; verbalizzazione di 394 soggetti dei quali 11 in stato di arresto, 35 denunciati a piede libero e 324 segnalati alla Prefettura in quanto assuntori di sostanze stupefacenti. I servizi eseguiti a tutela dell’ambiente hanno permesso ai reparti di procedere alla verbalizzazione di 20 soggetti, 13 dei quali denunciati a piede libero, nonché al sequestro di 3 immobili e di aree adibite a discarica abusiva per complessivi 21.600 metri quadrati.

CONTROLLO ECONOMICO DEL TERRITORIO E SERVIZIO DI PUBBLICA UTILITA’ 117
Nell’anno 2015 sono pervenute 170 chiamate di interesse operativo che hanno portato all’esecuzione di 28 specifici interventi, 21 dei quali conclusi con l’accertamento di violazioni tributarie e di altra natura. Il controllo economico del territorio è stato garantito attraverso l’impiego di oltre 2.888 pattuglie che hanno assicurato una diuturna sorveglianza su tutto il territorio regionale. I reparti territoriali, inoltre, hanno effettuato nr. 136 controlli in materia di capacità contributiva, finalizzati alla rilevazione sul territorio degli elementi significativi di ricchezza, quali il possesso e l’utilizzo di autovetture di lusso, aeromobili, imbarcazioni da diporto e altro.

ATTIVITA’ POLIZIA MARITTIMA E DEMANIALE
Il Reparto Operativo Aeronavale di Termoli, unitamente alla dipendente Stazione Navale, costituisce la componente specialistica regionale ed assume competenze operative esclusive di polizia economico- finanziaria e di contrasto ai traffici illeciti dalla costa verso l’alto mare, svolgendo altresì, previo coordinamento con i Reparti territoriali, attività di servizio a tutela dell’ambiente, del demanio pubblico ed a contrasto dell’abusivismo edilizio.
A tal riguardo, nell’ambito di uno specifico protocollo d’intesa stipulato a livello nazionale tra il Corpo e l’Agenzia del Demanio è stata istituita una “cabina di regia” finalizzata al coordinamento delle attività a tutela del demanio svolte in collaborazione tra le due Istituzioni. In tale contesto, sono stati eseguiti 31 interventi che hanno permesso di individuare 58 concessionari non in regola con il versamento dei canoni demaniali, evasi per oltre 760.000, di sottoporre a sequestro aree di circa 3.700 metri quadratisulle quali insistevano opere realizzate senza autorizzazione, nonché di denunciare all’autorità giudiziaria 7 soggetti. In materia di polizia ittica, marittima e sanitaria sono stati eseguiti 40 interventi che hanno consentito la verbalizzazione di altrettanti soggetti nonché il sequestro di circa mille chili di prodotti ittici.

Le Fiamme Gialle molisane, infine, hanno contribuito al mantenimento dell’ordine e della sicurezza pubblica, anche in occasione di eventi di respiro internazionale come l’Expo Milano 2015, principalmente con l’impiego dei militari specializzati “Anti Terrorismo e Pronto Impiego” - i cosiddetti “Baschi Verdi” - che per il loro addestramento e la conoscenza delle migliori tecniche di polizia sono caratterizzati da particolare dinamismo operativo. (FO)

da primonumero.it