Il ramaio di Agnone: un antico mestiere

Visite: 205

Oltre alla fonderia campana Marinelli nel centro del paese, il borgo medievale Agnone in Molise era una miniera di rame

di Leelee Chan

22 gennaio 2021

Back

Oltre alla fonderia campana Marinelli nel centro del paese, il borgo medievale Agnone in Molise era una miniera di rame e considerata la città più importante d'Italia per la produzione di rame nel medioevo. Il rame prodotto ad Agnone è stato venduto al prezzo più alto a causa degli statuti e delle leggi locali che ne regolavano rigorosamente la produzione di alta qualità. 

La gente del posto mi ha detto che una persona su dieci in questa città di 5000 abitanti era coppersmiths. Ora ne sono rimasti solo tre che conoscono ancora gli antichi metodi del lavoro del rame. 

Ho visitato Franco Gerbasi e Filippino D'Aloise, che mi hanno raccontato storie fervide sulla storia del rame ad Agnone. Mi hanno anche mostrato i metodi tradizionali per i rilievi di rame e per fare le navi acquatiche utilizzando lo sgabello fatto di ulivi. Le navi acquatiche erano essenziali prima dell'invenzione dei tubi dell'acqua domestica e le donne trasportavano acqua fresca con questi vasi sulla testa. Anche a quei tempi, il rame era un fondamentale materiale utilitaristico quotidiano, ma anche venerato per le sue proprietà antibatteriche. 

Entrambi hanno trovato il loro modo per preservare la rilevanza dell'artigianato di rame oggi. Franco gestisce un museo del rame ad Agnone, allargando anche la produzione industriale di rame. Filippino vede l'applicazione del rame oltre i prodotti utilitaristici di tutti i giorni e sta ampliando la sua cooperazione con le persone in diversi ambiti creativi come la moda e l'architettura. Condividono entrambi la passione per trasmettere la tradizione ramata alla prossima generazione. 

Andando avanti con le mie ricerche sull'antico mestiere metallico, ho visitato fonderia Pontificia Marinelli ad Agnone.

È considerata la più antica azienda a conduzione familiare del mondo. I discendenti fanno ancora campane utilizzando la tecnica e i processi originali dei suoi fondatori di più di 1000 anni fa.

Simile al fabbro di Lucca, ho letto che il processo di rinfrescamento è rimasto così vicino al metodo di lavoro medioevale che gli artigiani potrebbero ancora fare campane senza alcun utilizzo di corrente elettrica. Tutto artigianale e stampi in gesso (dei motivi e iscrizioni campane) sono ovunque in fonderia. Anche la prova del tono delle campane è ancora fatta a mano.

In totale, ora sono rimasti 12 dipendenti che lavorano insieme per mantenere viva la fonderia. Una volta una ′′città reale′′ di notevole rilevanza economica, l'arte di fare campane oggi è un'imbarcazione morente e ci sono solo circa una dozzina di fonderie storiche rimaste in tutta Europa.

Ho avuto la fortuna di vedere come gli artigiani costruiscono la struttura delle campane con argilla e mattoni, e come fanno e premono iscrizioni di cera e decorazioni sulla campana come parte del processo di fondamento campanario. Anche la prova del tono delle campane è ancora fatta a mano per far sì che ciascuna sia sintonizzata per armonizzare con la sua nota di strike determinando l'esatta forma che si tradurrebbe nel tono migliore.

 di Leelee Chan - fb

Back