Il 18,6% dei molisani lavora nel pubblico

Visite: 801

Il Molise è una regione fondata sui dipendenti pubblici

di futuromolise.com

3 marzo 2017

Back 

In Molise è il lavoro pubblico a trainare una buona parte dell’economia. In una regione dove trovare un’occupazione è un’utopia, non resta che sperare di lavorare in un Ente pubblico.

Anche se il posto fisso, oggi, non più una garanzia come un tempo. Sono tanti i lavoratori molisani che vivono con soldi pubblici. Non c’è niente di male, sia chiaro! Nel Mezzogiorno d’Italia è la prassi, senza impiego pubblico la situazione sarebbe catastrofica. Senza politiche di sviluppo sul territorio, lo Stato al Sud continuerà a fungere da ammortizzatore sociale.

In rapporto alla popolazione residente i 3 milioni e 142mila dipendenti pubblici italiani sono inferiori a quelli delle altri grandi economie europee ma la loro distribuzione sul territorio nazionale non è affatto omogenea, nemmeno rispetto al numero degli occupati. È questo il dato più significativo che emerge da una ricerca del centro studi ImpresaLavoro su elaborazione di dati Istat e della Ragioneria Generale dello Stato.

A fronte di una media italiana del 5,18%, sono le Regioni a Statuto speciale quelle con la maggior concentrazione di dipendenti pubblici rispetto alla popolazione residente. A guidare la classifica è infatti la Valle d’Aosta con 11.519 dipendenti. Le regione Lazio, dato l’elevato numero di sedi istituzionali presenti a Roma, conta 380.284 dipendenti pari al 6,46% dei residenti.

In fondo a questa particolare classifica si collocano invece regioni più popolate ed economicamente più sviluppate come la Lombardia (4,02%) e il Veneto (4,51%). Al di sotto della media nazionale troviamo anche Campania (4,82%), Piemonte (4,86%), Emilia Romagna (5%), Puglia (5%) e Marche (5,17%).

La classifica elaborata da ImpresaLavoro cambia piuttosto nettamente se si prende in esame il rapporto tra il numero dei dipendenti pubblici e quello degli occupati. Al primo posto troviamo la Calabria, con il 22,03% (più di 1 su 5). Subito dietro si colloca la Valle d’Aosta, con il 21,01% degli occupati che vengono retribuiti con denaro pubblico.

In cima a questa classifica compaiono principalmente le regioni del Mezzogiorno, con un’incidenza dell’impiego pubblico di gran lunga superiore alla media nazionale (13,99%): Sicilia (19,95%), Sardegna (19,30%), Molise (18,06%), Campania (17,89%), Basilicata (17,87%) e Puglia (17,42%) seguite a distanza ravvicinata dal Friuli Venezia Giulia (16,62%) che registra uno dei valori più alti di tutto il Centro-Nord. In coda alla classifica troviamo invece Lombardia (9,44%), Veneto (10,80%), Emilia-Romagna (11,59%) e Piemonte (11,90%).


di futuromolise.com

Back