"La vianova"

Visite: 1959

"La vianova news”, riappropriandosi orgogliosamente del logo de “la vianova”, il mensile molisano d’informazione, organo dell’A.C. La Terra, non più stampato dal dicembre del 2003, dopo 10 anni di pubblicazioni, vuole proporvi gli aggiornamenti delle notizie che interessano l’ambiente, la storia e la cultura delle terre molisane e vi invita a collaborare, inviandoci i vostri articoli, per capire, insieme, come riproporre ai nostri giovani la lettura dei nostri borghi e del loro territorio.
Vogliamo ricordare che "la vianova" nasce per proseguire il lavoro sul territorio iniziato dal gruppo politico e culturale "Insieme per Duronia", all'indopmani della mancata vittoria alla competizione amministrativa dell'anno 1993 al comune di Duronia. Il Gruppo, nato per contrastare le politiche locali fortemente caratterizzate dalla pratica clientelare e dalla stagnazione di ogni progettualità per lo sviluppo delle aree interne, decise di continuare il lavoro politico e culturale dotandosi di uno strumento capace di trovare il luogo adatto per un confronto nuovo di idee e pratiche strettamente legate al territorio. Lo strumento diventò "la vianova", un mensile regionale di informazione, che presto sarebbe diventato una palestra di confronto tra le forze più vive di tante piccole realtà locali, di singoli individui e di enti ed associazioni. Scioltosi dopo pochi mesi, il Gruppo si trasformò in Associazione che prese il nome di A.C. La Terra.

Qui riproponiamo l'editoriale del numero zero firmato dal Direttore, Filippo Poleggi.


 "La via nova"

La nascita di questo mensile coincide con una fase rischiosa per la libera informazione e la democrazia. Dopo qualche anno torno a dirigere un giornale, invitato dagli amici di Duronia, non come semplice "presta-nome" ma con la volonta' di inserirmi nella esperienza de "la vianova" che reputo di grande valore, una occasione da non perdere per costruire dalla "periferia" un progetto di vita e un nuovo modo di fare informazione. Credo che "la vianova" può essere di più che l'esperienza di un gruppo di animatori di una realtà locale. La nascita di questo giornale coincide con una fase rischiosa per la libera informazione e la democrazia che sono questioni strettamente legate.

Non intendo riportare la polemica antiberlusconiana sul semimonopolio delle televisioni, anche se ritengo indiscutibili le incompatibilità tra capo di governo e padrone di quattro televisioni e la necessità di una legge che limiti un tale strapotere come in tutti i paesi democraticamente consolidati. Non penso che il sistema informativo pubblico sia il regno delle libertà perchè penso che risponda ad un criterio di "rappresentazione" di una società politica che non esiste più.

Penso anche che la riforma della RAI non può neanche lontanamente rispondere all'appello di "fedeltà ed allineamento" alla maggioranza, o peggio al governo, che il Presidente del Consiglio ha fatto, proprio perchè siamo in democrazia e non in un regime dittatoriale. Penso che le forze del progresso debbano porre al centro della loro azione la battaglia per la difesa della libera informazione ma anche una proposta di riforma del settore ed una capacità di proporre modelli nuovi e sviluppare una presenza diversa in questo settore che possa ricreare spazi di espressione e di libertà per i cittadini non "omologati". Pensando al Molise è indubbio che in questi ultimi anni il panorama dei mezzi d'informazione ha registrato una notevole crescita qualitativa rispetto al passato, un arricchirsi di operatori, ma anche una carenza, a mio avviso grave, la mancanza di un giornalismo di indagine, d'inchiesta, di conoscenza nuova e vera della realtà.

Il nuovo panorama politico rischia di compromettere anche i risultati raggiunti e di produrre un nuovo "allineamento ". Naturalmente è importante lottare per rivendicare spazi di espressione e ricordare che fare informazione non è un fatto privato ma significa svolgere un servizio per tutti prima che rappresentare una parte.Sappiamo però, per esperienza, che nel campo dell' informazione, che non è il giardino dell'Eden, questo costume si afferma per maturazione e scelta degli operatori ma anche se non esistono monopoli, se vi sono contraltari che costringono a "misurarsi ", a volare più alto. Ritengo quindi indispensabile che si operi attraverso esperienze concrete per affermare nuovi modelli ed una diversa concezione dell' informazione.

Oggi gli amici di "Insieme per Duronia" espongono un progetto che è di un giornale diverso, alternativo per modello ed ispirazione, che si propone come strumento di indagine, conoscenza, approfondimento delle condizioni di vita di una popolazione in un territorio, in una "zona interna", per verificare le condizioni di vita di una popolazione, le possibilità e le ragioni di sopravvivenza di una comunità, per costruire con il giornale, un possibile progetto di vita, di riscatto sociale, di sviluppo.

E' un progetto politico nel senso migliore del termine, del resto un giornale se non lo ha rischia di vivere poco. Mi pare questo anche un ottimo progetto editoriale, progetto informativo che si propone di far conoscere la reale condizione di vita di una collettività attraverso l'indagine, di legare il giornale ad interessi veri della popolazione.
Certo "la vianova" man mano dovrà confrontarsi con la realtà più generale e più vasta, verificare il suo percorso con la storia, la realtà regionale, la vita del Paese. Personalmente nutro la speranza che con questo metodo e con le sfide imposte dalla realtà possa nascere da questa esperienza un giornale regionale alernativo e nuovo.
E' importante che il segnale per un progetto del genere riparta da Duronia, dalla "periferia", attraverso un gruppo di cittadini che ha avviato una iniziativa che potenzialmente può colmare questo vuoto, che vuole esprimersi e dar voce alla società, alle comunità locali.
E' un obbiettivo ambizioso e difficile da raggiungere, ma io ritrovo le motivazioni dell'impegno in questa passione civile che per fortuna non si perde mai.

Filippo Poleggi